Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal PNR 2015-2020

17 Lug 2017
Scadenza: 
09 Nov 2017

Il MIUR, in attuazione dell’Azione II del PON “Ricerca e Innovazione” 2014 – 2020, ha emanato un Bando finalizzato a creare e stimolare un ecosistema favorevole allo sviluppo “bottom up” di progetti rilevanti attraverso forme di Partenariato pubblico-privato che integrino, colleghino e valorizzino le conoscenze in materia di ricerca e innovazione.

 

Aree di specializzazione:

  1. Aerospazio
  2. Agrifood
  3. Blue Growth
  4. Chimica verde
  5. Cultural Heritage
  6. Design, creatività e Made in Italy
  7. Energia
  8. Fabbrica Intelligente
  9. Mobilità sostenibile
  10. Salute
  11. Smart, Secure and Inclusive Communities
  12. Tecnologie per gli Ambienti di Vita

 

Ripartizione delle risorse:

Aree di specializzazione

Risorse (€)

Aerospazio

59.051.938,00

Agrifood

59.051.938,00

Blue Growth

29.525.969,00

Chimica verde

29.525.969,00

Cultural Heritage

29.525.969,00

Design, creatività e Made in Italy

29.525.969,00

Energia

29.525.969,00

Fabbrica Intelligente

59.051.938,00

Mobilità sostenibile

29.525.969,00

Salute

59.051.938,00

Smart, Secure and Inclusive Communities

29.525.969,00

Tecnologie per gli Ambienti di Vita

29.525.969,00

Totale

472.415.504,00

 

Soggetti ammissibili:

  • le Imprese (PMI e Grandi Imprese), partecipanti in forma singola o associata;
  • le Università;
  • gli Enti pubblici di ricerca;
  • altri Organismi di ricerca pubblici e privati,
  • le Amministrazioni Pubbliche;
  • ogni altro soggetto, in possesso dei requisiti previsti dall'Avviso, ai sensi dell’articolo 5 comma 1 del D.M. 593/2016,

I soggetti devono riunirsi in un Partenariato pubblico-privato, rappresentata da un Soggetto Capofila, con queste caratteristiche:

  • costituito da almeno un soggetto di diritto pubblico e da almeno un soggetto di diritto privato,
  • prevedere almeno una PMI e una Università o altro Ente pubblico di ricerca,
  • le imprese, partecipanti in forma singola o associata, devono risultare regolarmente iscritte nel Registro delle imprese entro e non oltre il 1° luglio 2016
  • gli Organismi di ricerca devono risultare regolarmente costituiti entro e non oltre il 1° luglio 2016.

Ciascun Soggetto Proponente può partecipare a un numero massimo di 2 Partenariati pubblico-privati per ognuna delle n. 12 Aree di specializzazione, a pena di esclusione del Soggetto Proponente stesso e di tutte le domande – successive alla seconda - presentate da altri partenariati a cui abbia partecipato lo stesso Soggetto Proponente

Gli istituti, i dipartimenti possono partecipare esclusivamente mediante l’Università. Le domanda di partecipazione dovrà essere sottoscritta dal Magnifico Rettore, rappresentante legale dell’Università.

 

Durata:

30 mesi

 

Finanziamento:

Ciascun Progetto deve essere di minimo 3.000.000,00 (tremilioni) e di massimo 10.000.000,00 (diecimilioni) di euro.

I Progetti sono ammessi all’agevolazione nella forma del contributo alla spesa, nel rispetto delle seguenti intensità di aiuto:

  • Ricerca Industriale: nel limite massimo del 50% (cinquanta per cento) dei costi considerati ammissibili;
  • Sviluppo Sperimentale:
  • nei limiti del 25% incrementabile sino ad un massimo del 50% per le PMI e del 40% per le Grandi Imprese,
  • in misura pari al 50% per tutti gli altri soggetti ammissibili.

 

I costi della Ricerca Industriale devono superare quelli in Sviluppo Sperimentale.

L’Università deve avere almeno il 20% dei costi.

 

Costi ammissibili:

  • spese di personale,
  • costi degli strumenti e delle attrezzature,
  • costi dei fabbricati purché siano direttamente connessi alle attività di Progetto,
  • costi dei terreni purché vi sia un nesso diretto tra l’acquisto del terreno e i risultati previsti dal Progetto;
  • costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da terzi e i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell'attività di ricerca, (max 20% delle altre spese ammissibili)
  • spese generali supplementari imputate entro il limite massimo del 20% delle spese per il personale,
  • altri costi di esercizio, sostenuti direttamente, entro il limite massimo del 20% delle altre spese ammissibili

 

Criteri di valutazione:

Criteri di valutazione

Punteggio Minimo

Punteggio
Massimo

  • a) Capacità tecnico-organizzativa dei soggetti proponenti

15

30

  • b) Qualità della proposta progettuale

40

80

  • c) Impatto del Progetto in termini di risultati attesi anche in riferimento alle ricadute sul territorio del Mezzogiorno generate dalle attività svolte nelle Regioni del Centro - Nord

20

40

Punteggio Totale

75

150

Le domande devono essere presentate telematicamente a partire dalle ore 12 del 27 luglio 2017 e fino alle ore 12 del 9 novembre 2017.

 

 

Programma: 
PON “Ricerca e Innovazione” 2014 – 2020
Destinatari: 
Imprese; le Università; Enti pubblici di ricerca; altri Organismi di ricerca pubblici e privati, Amministrazioni Pubbliche
Entità: 
472.415.504,00 €